Categorie
attualità

Un nuovo bus 16 per Cadoneghe, Vigodarzere e Bragni

Sarebbe una grande occasione per invertire la scelta  illogica di Comune di Padova e Busitalia di aumentare le rotture di carico (ovvero i trasbordi che si devono fare per raggiungere da una località un altra, vedi il taglio delle linee 16, 18 per non parlare di quella drammatica avvenuta con il tram per Cadoneghe e Vigodarzere anni fa), quella di ripristinare la linea 16 nel territorio a nord della stazione, facendola proseguire per Cadoneghe / Bragni / Vigodarzere, costituendo un asse che collegherebbe velocemente gli istituti Belzoni-Boaga,  Curiel (via Vecellio) e quelli del centro storico per quanto riguarda gli studenti e gli ospedali con la zona nord della città con un percorso diverso e quindi non sovrapposto a quello del tram, ponendo fine alla vera via crucis che devono fare i cittadini dei comuni della cintura nord di Padova per arrivare in città.

2 risposte su “Un nuovo bus 16 per Cadoneghe, Vigodarzere e Bragni”

Fable è fantastico sarebbe un sogno per tutti i cadoneghesi e so che tu sei uno di noi! purtroppo però mi sembra che Busitalia non ne abbia la minima attenzione, hanno pure rigettato molto arrogantemente la richiesta di ripristinare il capolinea del 16 al Plebiscito dicendo che “bisogna risparmiare e non tutti possono più avere il bus sotto casa” che tra parentesi sarebbe da rispondere loro “bisogna risparmiare e non tutti possono pagare 200 o 300 di abbonamento all’anno per un servizio del genere”.. purtroppo penso che non lo faranno mai anche se come dicevi sarebbe un’idea eccellente soprattutto per gli studenti e per chi va a prendere il treno ogni giorno.. però da pendolari di Cadoneghe e Vigodarzere dovremmo almeno impuntarci con i nostri sindaci ed ESIGERE che venga riorganizzato il sistema delle corse bis.. quando introdussero il tram a Pontevigodarzere nel 2009 declassando a navette i nostri affezionati bus ci erano state promesse varie corse bis al giorno per il centro e l’ospedale in modo da non penalizzare gli utenti e queste promesse sono state mantenute in minima parte, oggi per il 4 l’ultima corsa bis è da Bragni alle 7.35 e comunque per la Stazione, mentre fino a mi pare 2 anni fa almeno andava a Voltabarozzo quindi passava per tutti gli ospedali.. per il 19 addirittura alle 7.04 da Tavo.. per il resto della giornata compreso il ritorno dalle scuole nemmeno una, con la conseguenza che gli studenti ad esempio del Curiel o dell’Einaudi tra tram attesa al capolinea e bus possono perdere fino a 45 minuti per un tragitto che coi vecchi 4 e 19 ne richiedeva al massimo 20 senza cambi, non parliamo poi di tutte le persone che devono andare all’ospedale e dovrebbero cambiare addirittura 3 mezzi! il tram sarà anche bello moderno e comodo per i turisti e per chi abita lungo il percorso, ma noi che viviamo “esterni” siamo stati presi per il culo alla grande, abbiamo si e no due tre corse al giorno dirette che possono funzionare all’andata per gli studenti dei licei ma sono completamente inutili per gli universitari e per le persone magari anziane che non guidano e devono andare all’ospedale, e le visite generalmente non sono alle 7 del mattino!! sfogliando il libretto vedo che i nostri “compagni” dell’altro lato del tram da Albignasego almeno hanno corse bis dirette alla Stazione quindi che coprono l’intero vecchio percorso della linea 8 fino alle 8.30, più le corriere ex Sita che fanno servizio urbano in tutte le fermate Aps e passano per l’ospedale e corse dell’88 ogni 12 minuti quindi senza grandi attese tra tram e bus, in sostanza quello che tutti noi dal lato nord supplichiamo di avere da anni! evidentemente Albignasego ha un Sindaco e degli Assessori degni di questi nomi che si sono fatti valere con Busitalia e hanno preteso ciò che spetta ai loro cittadini per i quali sono molto felice, ma mi chiedo perché i nostri amministratori invece sono così deboli? Siamo dei Comuni e dei Cittadini di serie B? Busitalia riceve ogni anno un bel contributo comunale più tutti i soldi degli abbonamenti suburbani che sono decisamente costosi, per offrire in cambio dei tragitti scomodi spezzati e pieni di attese e inconvenienti tra tram che si guastano bus sostitutivi coincidenze saltate etc.. e ora di dire basta se non vogliono ripristinarci una linea di bus a percorso intero perché dicono che sarebbe un doppione del tram (cosa appunto smentita nei fatti perché si tratta di flussi diversi, il tram lo userebbe soprattutto chi si avvicina a pd con l’auto dalla cintura e vuole un mezzo veloce per il centro, i bus gli studenti e chi va/torna dall’ospedale) che almeno ci diano un piano serio di corse dirette al giorno come ci avevano promesso!

Lascia un commento