Categorie
Generale

Dolci memorie

Le memorie che ogni tanto mi assalgono nei momenti più impensati. Con un flash, un odore, un suono, che mi riportano a quel momento lì, si proprio quello lì che ho vissuto così intensamente.

Quella penombra, in quella stanza, dove, mentre tu dormivi, ti guardavo e non smettevo di considerarmi fortunato. Con l’incredibile sensazione di stare vivendo una cosa che non avrei mai più potuto scordare.

O quella volta che studiavo mentre tu gironzolavi intorno, e sapevo che avevo il tuo sguardo addosso, e ogni tanto alzavo gli occhi e incontravo i tuoi, fermi e sorridenti.

O quella volta che cantavi mentre guidavo verso casa col cuore pieno di intense emozioni, portando scolpite nella memoria, e per sempre, le immagini radiose e commoventi dei bei momenti che avevamo passato insieme.

Ti amo, cucciolo mio e questo amore è nato da te, dalla tua dolcezza dalla tenerezza che sai darmi minuto dopo minuto, giorno dopo giorno per tanto ancora amore io spero.

Jean-Paul M.
[28-02-2003]

13 risposte su “Dolci memorie”

No. la poesia non é mia, ma di un mio amico italo-americano, però l’ho pubblicata perchè è dolcissima.

Avevo capito che non era farina del tuo sacco (hai citato anche l’autore infatti). Credevo però che l’avessi pubblicata appositamente perché è quello che stai attualmente provando per qualcuno.

seee la volta che fable si innamora ancora di qualcuno è la volta che nevica sul serio e fa un tale freddo che gli passa subito… :/

Basta rispettare sempre un’unica regola: non servire mai il proprio cuore su un piatto d’argento. Ossia va benissimo sbilanciarsi, ma ci si deve anche proteggere. Cmq sono cose che non si possono decidere così, anzi!
Fable, ti auguro di trovare l’anima gemella appartenente a Forza Italia … almeno non ti annoieresti e avresti sempre qualcosa da dire!

Concordo con Alberto ed interprete…..vi immaginate le discussioni a tavola tra lui e la sua anima gemella di Forza Italia???
PS: comunque secondo me la poesia è troppo smielosa……

“Concordo con Alberto ed interprete”

Uso della “D eufonica”
(Cito Wikipedia)
presenza della d eufonica soltanto quando la preposizione “a” o le congiunzioni “e” e “o” si trovino davanti a parole inizianti con la stessa vocale. Tale norma è stata suggerita dall’Accademia della Crusca come raccomandazione, con la postilla che “od” è ormai caduto in disuso ed il suo uso non è consigliato.

Ricordo che la mia prof di traduzione diceva sempre che esiste però l’eccezione “ad esempio”, ma che è preferibile utilizzare “per esempio”.

A proposito, wikipedia dice “ed il suo uso non è consigliato”. Bravi, predicano bene e razzolano male!

“Concordo con Alberto ed interprete”

Uff, non vedo il mio intervento relativo all’uso della “D” eufonica, tratto da wikipedia. E qui cito: presenza della d eufonica soltanto quando la preposizione “a” o le congiunzioni “e” e “o” si trovino davanti a parole inizianti con la stessa vocale. Tale norma è stata suggerita dall’Accademia della Crusca come raccomandazione, con la postilla che “od” è ormai caduto in disuso ed il suo uso non è consigliato. Fine della citazione

Eccezione: ad esempio, da sostituire con “per esempio”

Grazie per le informazioni interprete, molto interessante…..ma a me suona male “Alberto e interprete “, no ??

Lascia un commento