Il San Paolo IMI

Danilo, il mio amico di Torino che lavora in SanPaolo ;) 

Poi c’è il San Paolo. Ossia l’Istituto Bancario San Paolo IMl, che una volta era il San Paolo di Torino. E per fare la coda, a Torino, il San Paolo di Piazza San Carlo è davvero il massimo. Praticamente sconosciute in corrispondenza di qualsivoglia fermata d’autobus o di tram, le code si formano a Torino in tre casi soltanto: in banca, alla posta e al parcheggio dei taxi della stazione di Porta Nuova lato Via Sacchi, dove un apposito corridoio formato da cavalletti di metallo fa sì che in tale luogo non ci si accoltelli pure per prendere un taxi. Premesso che sotto un profilo antropologico la mancanza di ‘senso della coda’ non fa parte solo ed esclusivamente delle caratteristiche dei torinesi, ma di quelle degli abitanti di tutta la Penisola isole incluse, va altresì detto che Torino è, anche se a volte non sembra, in Italia. E in alcuni altri luoghi, segnatamente in certi supermercati al banco dei salumi e dei formaggi, in certe panetterie e in certe gastronomie, per far fronte alla totale mancanza del senso della coda o comunque del rispetto del proprio turno da parte dei torinesi, si è provveduto all’installazione di antiestetiche ma efficaci macchinette sputanumeri, cui si può o meglio si deve fare ricorso per PRENDERE IL NUMERO, come recita a caratteri cubitali la scritta che campeggia sopra ciascuna di esse. Al San Paolo di Piazza San Carlo invece no, la macchinetta sputanumeri con su scritto PRENDERE IL NUMERO non l’hanno messa. Al San Paolo di Piazza San Carlo, conoscendo i torinesi, hanno escogitato qualcosa di più raffinato.Mi spiego. Dunque: i torinesi, in coda, difficilmente aprono bocca. In quanto torinesi, ritengono non lo si debba fare, visto che sia le persone davanti a loro sia le persone dietro a loro appartengono alla categoria ‘estranei’. E se inopinatamente qualcuno davanti o dietro a loro apre bocca, i torinesi ilo guardano con l’aria di chi pensa: «Ma che cos’ha questo/a da aprire bocca, in coda, rivolgendo la parola a degli estranei?». Preso atto dei costumi locali, al San Paolo di Piazza San Carlo devono essersi detti che forse con i torinesi in coda valeva la pena di fare un piccolo esperimento. E dopo l’ultima ristrutturazione, infatti, chi si mette in coda a uno sportello al San Paolo di Piazza San Carlo non può più vedere quanta gente c’è in coda nel frattempo agli sportelli vicini: allo scopo, tra gli spazi destinati ai torinesi in coda agli sportelli sono stati edificati spessi muri grigi, così che chi è in coda a uno sportello deve lasciare la sua coda se vuol controllare qual è la situazione-coda agli altri sportelli, con il rischio che le altre persone in coda dietro di lui si rifiutino di reintegrarlo nella vecchia coda dopo che lui l’ha abbandonata anche soltanto per pochi secondi, giusto il tempo di dare un’occhiata alle code ai lati. E evidente che in tali condizioni il torinese in coda risulta particolarmente sotto stress, più ancora di quanto non risulterebbe in una coda normale. C’è sempre la possibilità che in una delle code vicine ci sia meno gente, o addirittura che uno sportello di quelli in precedenza chiusi apra improvvisamente al pubblico, così che qualche fortunato da una quinta o sesta posizione possa saltare di botto alla prima o alla seconda. Se il torinese in coda parlasse, magari potrebbe dire al torinese che gli sta dietro: «Scusi, mi allontano un attimo per vedere com’è la situazione-coda qui a fianco». Ma il torinese in coda tace.

(dal libro "Torino è casa mia" di Giuseppe Culicchia, che sto leggendo con grande curiosità dopo la mia bellissima visita in Torino e nella Val di Susa lo scorso week-end)

0 pensieri riguardo “Il San Paolo IMI”

  1. Poi c’è il San Paolo. Ossia l’Istituto Bancario San Paolo IMl, che una volta era il San Paolo di Torino.

    Ma come si possono scrivere certe CASTRONERIE?!?!?Arrestare l’autore è ammissibile?!

    Errata corrige: Poi c’è il SANPAOLO. Ossia il Sanpaoloimi S.p.a., che una volta era l’Istituto bancario San Paolo di Torino (di diritto pubblico ndr)

Lascia un commento