Categorie
Generale

Cipriani: non paga il cameriere (e ci mancherebbe, dico io)…

I mancati pagamenti delle cene all’Harry’s Bar e da Celeste da parte dei No Global, andrebbe chiarita nei termini legali: spiace che Cipriani non abbia consultato un legale di fiducia. L’avesse fatto non avrebbe detto che il conto della cena lo pagherà il cameriere, ritenuto "responsabile" della vicenda. Quando capitano di queste vicende (purtroppo ripetute) occorre osservare la legge. Il fatto è semplice perché l’art.641 del Codice penale (insolvenza fraudolenta) lo prevede: basta la querela del sig. Cipriani. Il cameriere al massino è passibile di un richiamo verbale da parte della proprietà. La vicenda finisce lì e sono d’accordo col governatore Galan: la stampa deve fare attenzione prima di diffondere falsi neologismi giuridici come "esproprio proletario" o "il conto dei no global" o "San precario" anche allo scopo di evitare che i nostri giovani, poco introdotti nella sfera del diritto , si mettano in testa strane teorie, ritenendole magari tollerabili o praticabili come ai tempi di Masaniello nella Città di Napoli.

La querela va presentata dalla persona offesa entro 3 mesi dal fatto e comporta per i trasgressori una sanzione sino a 2 anni di reclusione o una multa fino a 516 Euro. L’adempimento della obbligazione avvenuto prima della condanna estingue il reato commesso. Per tale reato tuttavia non sono ammessi l’arresto, il fermo di indiziato di delitto e le misure cautelari personali .

L’Autorità giudiziaria competente è il Tribunale monocratico.

Lo stesso fatto è capitato a Venegazzù. Poiché i fatti potrebbero verificarsi nuovamente ritengo che la categoria ( ASCOM ) farebbe bene ad intervenire con delle semplici informazioni o istruzioni sul comportamento da tenere da parte dei titolari dei locali . Penso, ad esempio, di chiedere alle persone non conosciute , che prenotano : il nome e cognome , il Comune di residenza , il telefono di casa o dell’Ufficio o dello Studio o dell’Azienda (ma non il cellulare ).A quelli che si presentano senza aver telefonato, chiedere a chi si deve intestare il conto unificato.

Vigilantibus iura succurrunt dicevano i giuristi romani! E’ proprio il caso di praticare un po’ di cautela in più del passato senza perdere le buone maniere e la tradizionale ospitalità del nostro Veneto.Vincenzo Quagliato

Operatore Giuridico d’Impresa

Padova

Lascia un commento