Categorie
Generale

Un libro che sto leggendo parla di…

Vivere ai margini della società , non sempre è una necessità, può essere anche una scelta, specie se si tratta di un breve periodo. Indubbiamente è un’esperienza che permette di viaggiare oltre quei confini comuni che stabilisce la società. E’ come ritornare da un viaggio e raccontare la "diversità". C’è chi fa un ritorno, racconta… e c’è invece chi vive da semrpe e vivrà per sempre quella realtà che è l’"emarginazione". Barboni, malati di mente trascurati dall’assistenza, drogati e migliaia di altri individui che hanno rinunciato a lottare per accontentarsi di sopravvivere.

In ognuno di loro c’è una storia di amore o di violenza o di chissà quale altra situazione umanamente definibile. Ognuno di noi ha una mente che gli permette di accettare e rispettare la "diversità".

Se alla mente si avvicina il cuore, si può anche amare la diversità. Chi ha scelto l’emarginazione forse avrebbe preferito più amore, più attenzione, e non trovandola nei confini ha preferito sconfinare; non è mai troppo tardi per dare dei confini in termini di amore e sicurezza. L’anima va laddove la ragione non arriva: quando si riesce a superare se stessi ed i propri limiti, accettando, ma soprattutto arrivando ad amare senza timore la "diversità".

Anna Maria Lupi (dal libro "Dalla strada alla penna" di Gianluigi Venditti, che sto leggendo in queste settimane)

Lascia un commento