Categorie
personale

La risposta immunitaria Th-1 e Th-2

Nella CFS (e nella fibromialgia) c’è uno squilibrio immunitario . Credo di non aver mai letto una spiegazione così ben fatta – oserei dire appassionante ! – di come virus , batteri e micobatteri possono confondere il sistema immunitario e portare a patologie croniche (viene citata anche la sensibilità chimica multipla) come in questo piccolo meraviglioso articolo in inglese , un vero e proprio gioiello di divulgazione scientifica. Nell’articolo per la prima volta trovo trattata in modo semplice anche la descrizione dell’enzima RNase-L , un enzima che inibisce la replicazione dei virus e poi viene disattivato. Se però questo enzima non viene disattivato , ad essere distrutti saranno gli RNA delle cellule normalmente utilizzate per una serie innumerevoli di processi del nostro corpo , inclusa la produzione di energia cellulare (infatti il risultato dei miei esami ACUMENè di Low ATP production e di un livello superiore alla norma di DNA libero). ((L’ATP profile della Acumen si basa su ricerche che non sono state convalidate da un gruppo indipendente. Tuttavia è attualmente in corso uno studio indipendente che punta a verificare i risultati di Myhill. Questo vuol dire che la scienza che sta dietro i test Acumen è quantomeno plausibile. Per quanto ne posso capire, i parametri ”whole cell ATP” e la capacità di riciclo di ADP in ATP hanno una loro plausibilità. Il problema principale forse è che le misure sono fatte sui mitocondri dei neutrofili (delle particolari cellule del sistema immunitario innato) e dunque non è detto che i risultati siano estendibili ai mitocondri di altri tessuti, come quelli ad esempio dei muscoli scheletrici o del cervello. Questa limitazione del test è ammessa anche dalla stessa Myhill e colleghi, in uno dei due studi pubblicati sul test. Tutto ciò detto, in attesa della convalida del test, il risultato dell’ATP profile è da ritenere sperimentale, ma con una sua plausibilità. Nota informativa del mio amico Paolo M.))

I risultati del mio Cell-free DNA nei costosissimi esami ACUMEN del 2013, che hanno mostrato in modo evidente un grosso deficit nella produzione di energia e squilibri a livello mitocondriale e immunitario.
I risultati del mio Cell-free DNA nei costosissimi esami ACUMEN del 2013, che hanno mostrato in modo evidente un grosso deficit nella produzione di energia e squilibri a livello mitocondriale e immunitario.

Nell’articolo si spiega anche che c’è una cosa ancora più grave che può succedere , ovvero che appaia una versione mutata (37kDa) di questo enzima che rimane sempre attiva e non si può spegnere / disattivare, ed è utilizzato come marcatore della chronic fatigue syndrome da alcuni ricercatori (ed utilizzato come test in Spagna , ma da noi no, per la diagnosi e le conseguenti esenzioni per medicinali ecc.).

 

Lascia un commento