Categorie
attualità viaggi

FS: tolgono gli scambi e lo chiamano “potenziamento infrastrutturale”

al sito Ferrovie.it http://www.ferrovie.it/ferrovie.vis/timdettvp.php?id=2506

ROMA – La Direttissima Roma – Firenze perde un Posto Movimento. Alle ore 4.00 del 4 novembre 2008, a seguito dello smantellamento in atto di tutti i deviatoi insistenti nell’impianto e dei binari di precedenza, verrà definitivamente soppresso il PM Sant’Oreste, tra Settebagni ed Orte.
La modifica riguarderà anche il segnalamento, comportando la soppressione dei segnali di protezione del Posto di Movimento, sostituiti da segnali di Posto di Blocco Automatico.Il PM Sant’Oreste scomparirà anche dalla Fiancata di linea, per essere mantenuto nella sola Fiancata principale, come “Fabbricato ex PM S.Oreste” con relativa progressiva chilometrica.
Ubicato in prossimità della galleria Soratte al km 43,936 (asse fabbricato) ed in prossimità di sottostazione elettrica, il PM Sant’Oreste in passato è stato spesso utilizzato per precedenze da parte dei tanti treni “lenti” (Regionali, Diretti, Espressi) che percorrono la Direttissima tra Roma e Orte, piuttosto che per inviarli sul binario di destra solitamente in direzione della Capitale, consentendo il sorpasso dinamico da parte dei treni più veloci. Inoltre non di rado questo impianto è stato impiegato per ricoverare treni in difficoltà, riducendo al minimo gli intralci alla circolazione.
La gestione del PM Sant’Oreste ricadeva sotto il Dirigente Centrale Operativo di Firenze, che continua a gestire la circolazione su tutta la Direttissima Roma – Firenze.

Vista d’insieme del Posto di Movimento Sant’Oreste; sullo sfondo l’imbocco della galleria Soratte.
Foto David Campione – 6 gennaio 2007
Alcuni addetti ai lavori della zona ricordano i guasti ai deviatoi di Sant’Oreste che troppo spesso si manifestavano, quando venivano manovrati per delle precedenze; la responsabilità è attribuita alla scarsa manutenzione praticata all’impianto, ma per contro qualcuno fa notare i soldi spesi soltanto nel 2006 per sostituire i deviatoi del Posto di Movimento.
Si riconducono quindi allo smantellamento dei binari di precedenza con relativi deviatoi e linea di contatto i discutibili lavori di ‘potenziamento dell’infrastruttura’ annunciati dal gruppo FS nelle scorse settimane, con l’interruzione dell’esercizio nelle ore notturne della ferrovia Direttissima tra Settebagni ed Orte.
Restano quindi i dubbi per questa scelta, che si contrappone a quanto accade sulle nuove linee alta velocità, dove vengono realizzati Posti di Movimento ogni 48 km circa.

Lascia un commento