Categorie
Generale

In direzione opposta al governo Prodi tanto odiato: mano libera alle imprese che abusano della flessibilità del mercato del lavoro

ROMA – La condizione di precario del lavoro, potrebbe diventare ancora più dura, in alcuni casi eterna. Secondo fonti dell’agenzia Agi, nella manovra economica al vaglio del Senato, sarebbe stato inserito un emendamento per impedire al giudice la possibilità di obbligare un datore di lavoro a stabilizzare un dipendente irregolare. La norma, approvata dalla Commissione Bilancio della Camera e recepita nel maxiemendamento, si applicherà anche ai contenziosi in corso. I sindacati annunciano battaglia e definiscono la proposta “iniqua” e “sbagliata”. Di tutt’altro avviso Confindustria: “la misura va nella direzione giusta”.

Finora il giudice, che riscontrava irregolarità sul ricorso ad uno o più contratti a termine, poteva obbligare il datore di lavoro a riammettere in servizio il lavoratore con un contratto a tempo indeterminato. Se passerà la nuova legge, il giudice dovrà limitarsi ad applicare all’azienda una sanzione di entità variabile tra le 2,5 e le 6 mensilità (la stessa prevista per le imprese al di sotto dei 15 dipendenti).

Il datore di lavoro potrà effettuare una serie pressoché infinita di contratti a termine rischiando al massimo una sanzione di importo pari a sei mensilità. Il lavoratore, in caso di irregolarità della causale di utilizzo del contratto a termine, potrà essere indennizzato, ma non riammesso nel suo impiego.

Dura reazione dei sindacati, che accusano il Governo di lasciare alle imprese “mano libera sull’uso dei contratti a termine”. “E’ una misura molto negativa – denuncia Fulvio Fammoni segretario confederale del sindacato con delega al mercato del lavoro – lascia aperta ogni possibilità per le aziende sull’uso del contratto a termine, senza che, in caso di irregolarità, queste abbiano alcuna ripercussione futura”.


“Una norma sbagliata che presenta gravi incongruenze”, secondo il segretario confederale della Cisl, Giorgio Santini. “Oltre al problema dell’indennizzo, la norma introduce il principio che un contratto non corretto viene considerato nullo”. In questo modo, spiega Santini, “il lavoratore, non solo non può essere riammesso sul posto di lavoro, per decisione del giudice, con un contratto a tempo indeterminato, ma rimane anche senza il contratto a termine”. Per Guglielmo Loy, segretario confederale della Uil, la norma “è incostituzionale”.

Di parere opposto Confindustria: “il provvedimento va nella direzione giusta – commenta il direttore generale di Confindustria Maurizio Beretta – un po’ di semplificazione e di minor rigidità è quello che serve al mercato del lavoro. In questo, come in altri casi, non è di sanzioni che abbiamo bisogno ma di norme praticabili, che abbiano un senso logico rispetto alla situazione reale”.

2 risposte su “In direzione opposta al governo Prodi tanto odiato: mano libera alle imprese che abusano della flessibilità del mercato del lavoro”

Si sta facendola solita giustizia del Far West.
Sparare contro tutto e contro tutti. Come con i Rom si sta mettendo sotto il naso della gente un “nemico” da perseguitare con soddisfazione dei nostri bassi istinti.
Hitler l’aveva fatto solo con gli ebrei (ma probabilemnte era frutto di uan sua concezione delirante della storia v Mein kampf)
qui invece c’è in atto un divide et impera del tutto scientifico.
Mettendoci gli uni contro gli altri, instillando il sospetto
passano dietro (e si infilano non dico dove)
cose BEN peggiori.
Questo governo è una vergogna!

Nicoltta
ps tie ho citato qui: http://nettunotsforumnonufficiale.forumcommunity.net/?t=18049742

Nicoletta, se non sei d’accordo con certe leggi e argomenti è una cosa, ma andare a tirare fuori Hitler mi sembra proprio un segnale di rifiuto del dialogo.

Lascia un commento