Categorie
Generale

Tornare dal mare in treno…

Anche questa domenica sono andato al mare in treno, o meglio in treno fino a S. Stino di Livenza e da lì con amici in macchina. Se per l’andata c’è una (una) coincidenza decente da Padova, al ritorno la domenica gli orari dei treni sono sballati alla perfezione in modo tale da costringerti a perdere almeno mezz’ora a Mestre per aspettare il primo treno per Padova. E in alcuni casi, il treno “utile” per Padova l’hai perso per ….un minuto !

La linea Venezia-Trieste ha molte stazioni “appetibili” per un turista … San Donà di Piave è collegata con Jesolo , Portogruaro con Caorle e Bibione, Latisana con Lignano E Bibione anch’essa. Da Cervignano , ci sono bus per Grado. Non esiste, con l’eccezione di alcuni treni intercity, spesso pieni ed in ritardo (il famigerato “Miramare”) e carissimi (8 euro dell’Intercity Plus “Miramare” Trieste-Napoli contro i 4,80 euro di un treno regionale/interregionale per il tragitto Padova-Portogruaro), un treno diretto che percorre la direttrice dell’A4 (Verona-Padova-S. Donà- Latisana-Trieste) , nonostante un flusso di studenti e pendolari che almeno nei giorni e nelle ore di punta sicuramente apprezzerebbe un tale servizio, senza contare che due binari diretti da Mira (linea Padova-Venezia) a Mestre Carpenedo (linea Venezia-Trieste), che consentirebbero l’istradamento diretto senza inversione di marcia a Mestre ed il recupero dei 20 minuti che anche gli Eurostar Roma-Trieste sono costretti a perdere, ci sono già.

La motivazione di queste coincidenze bislacche, oltre ad un’evidente scarsa attenzione (ad esempio il regionale da Trieste che arriva a Mestre alle 20.38, non consente ai viaggiatori di salire sul regionale per Padova che parte alla stessa ora stesso minuto, la domenica), era dovuta al fatto che sulla Padova – Mestre c’erano solo due binari e che quindi le coincidenze “migliori” erano destinate ai treni intercity della Venezia- Milano. Ora , dal 1 giugno, non è piu’ cosi. Ci sono 4 binari tra Padova e Mestre, eppure il nuovo orario estivo delle ferrovie non ha comportato miglioramenti negli orari dei treni regionali sulla Padova-Venezia per garantire un trasbordo decente con altre linee.

Il risultato è che per coprire i 75km tra S. Stino di Livenza (TV) e Padova, senza acquistare un biglietto intercity (+100% sulla tratta Padova-Mestre), a parte un paio di casi fortunati nell’arco dell’intera giornata di domenica, un viaggiatore impega circa 1 ora e 30 minuti, di cui 40 minuti circa di attesa a Mestre. Non male, come metodo per invogliare la gente ad utilizzare il treno nei giorni più infuocati dell’estate, dove ci sono kilometri e kilometri di coda sulle poche strade che portano al mare.

Lascia un commento