Categorie
Generale

La ferocia delle leggi berlusconiane (quelle che non lo riguardano)

Se avesse saputo che il suo giovedì sera sarebbe finito in quel modo, probabilmente se ne sarebbe rimasto in divano a guardare il Grande Fratello. Perché L.T., 21 anni, di Terrassa Padovana, si è visto decurtare la bellezza di 40 punti dalla patente. Praticamente due patenti. Teatro di questo singolare provvedimento, che mai verrà dimenticato dal giovane neopatentato, è via Rena, poco prima di mezzanotte, giovedì. Il ventunenne stava guidando la monovolume Ford Galaxy del padre, quando improvvisamente si è trovato davanti la paletta dei carabinieri di Bovolenta. I militari l’hanno fermato e controllato. Si sono accorti immediatamente che c’era qualcosa che non andava. Quegli occhi lucidi e lievemente arrossati gli uomini dell’Arma li conoscono fin troppo bene e così hanno dato il via alla perquisizione all’interno dell’abitacolo, dove hanno trovato 2 grammi e mezzo di hashish. Come se la sua situazione con fosse già abbastanza grave, il ragazzo si è pure rifiutato di sottoporsi all’esame tossicologico. E’ stato in quel momento che è scattata la mannaia della nuovissima legge 49 del 2006, approvata dal governo di centrodestra e che di fatto modifica il testo unico in materia di stupefacenti.  La patente gli è stata immediatamente ritirata proprio in virtù di questa legge, che punisce duramente che fa uso di sostanze psicotrope. Ma la batosta non erancora terminata. La bellezza di 10 punti gli sono stati tolti perchè si trovava alla guida sot l’influenza di droghe. Altri 10 per il fatto di essersi rifiutato di sottoporsi gli esami sanitari. In tutto fanno 20 punti, dia siccome si tratta di un neopatentato, raddoppiano e diventano 40. Sul piano pratico poi, c’è una legge che impedisce di decurtare più di 15 punti per volta. Quindi, una volta che la patente gli verrà restituita, L.T. si ritroverà 5 miseri punti da gestire. Nominalmente però: l’abbattimento di quei 40 punti, rimarrà scritto. Tutto è stato comunicato anche ai genitori. E forse di fronte a questo, anche una decurtazione di punti pari a due patenti, può sembrare rose e fiori (e.fer.)

0 risposte su “La ferocia delle leggi berlusconiane (quelle che non lo riguardano)”

Meglio così, chi è pericolo sulla strada dovrebbe prendere i mezzi pubblici.
Anzi, troppo poco. Un mio amico per guida in stato di ebbrezza in inghilterra ha avuto la sospensione della patente per un anno e mezzo.
Se il tipo sopra citato vuole drogarsi, che lo faccia, ma a casa propria. Per me può benissimo suicidarsi, purchè non metta in pericolo la vita di altri!

Lascia un commento