Categorie
Generale

Per velocizzare il “18″….

All’assessore alla mobilità del Comune di Padova

Concordera’ con me che , nell’alternarsi delle varie giunte di destra e di sinistra a Padova, purtroppo i vertici Acap prima e Aps dopo (mi rifierisco alla mobilità) sono rimasti gli stessi….e cosi’ gli orari e i percorsi delle linee, da quasi vent’anni. La frequenza di alcune linee , tipo la 4 (Cadoneghe-Ospedali), frequentatissima, e’ stata quasi dimezzata quasi 15 anni fa, con la soppressione delle linea 17 e la riduzione della frequenza della linea 4.
Veniamo al dunque. Le scrivo per sottoporle due proposte.
La prima riguarda il (temporaneo?)  (fino a che non verranno realizzate le rotonde previste in sostituzione dell’attuale semaforo in prossimita’ del tempio della Pace) arretramento della fermata delle linee 5 e 18 di
fronte al Tribunale. Se tale fermata venisse arretrata all’altezza dell’ingresso principale della Fiera provenendo dalla Stanga in direzione Stazione FS, i bus potrebbero evitare il semaforo che , come Lei può ben comprendere, fa perdere minuti preziosi ai bus (v. piantina). E Lei sa che due o tre minuti in meno di percorrenza risparmiati vogliono dire un possibile aumento della regolarita’ se non addirittura della frequenza del servizio stesso.
La seconda proposta nasce dalla recente istituzione del senso unico su Corso del Popolo ; chi arriva dal quadrante Est della città in moto/scooter, deve arrivare fino in via Codalunga e da li andare in direzione centro.  Se si consentisse (in molte città italiane, questo avviene, e non è certo il codice della strada che lo vieta ma l’ordinanza del sindaco con la quale sono state istituite tali corsie preferenziali) anche ai motocicli (e ciclomotori ?) di percorrere quei 300 metri di corsia preferenziale in via Gozzi, si
consentirebbe a chi non usa l’auto di giungere in centro senza accodarsi in via Tommaseo alle altre auto allungando di non poco il percorso. Quando in passato , sul "Mattino", feci una proposta del genere, qualcuno dell’Acap rispose che i motocicli avrebbero rallentato i bus….non commento questa affermazione, quando i dati parlano di una velocita’ commerciale media dei bus di 8km/h….spero nel suo buon senso per una operazione che non creerebbe intralcio ai bus lasciando scampo a chi usa i mezzi su due
ruote (non vedrei male anche l’istituzione di una pista ciclabile /mista su marciapiede, sulla falsariga di quanto avviene già su Via Venezia all’altezza del Giotto…sempre meglio di niente, direi).
 

percorso alternativo per la linea 18

Lascia un commento