Categorie
Generale

Australia-Italia : welfare a confronto

In Australia, gia’ dai precedenti governi conservatori, le coppie di fatto (etero o gay, it doesn’t matter) sono riconosciute e conferiscono dei diritti (primo tra tutti la cittadinanza, che qui da accesso al welfare) . Qui se una coppia ha un figlio, riceve 6000 AUSD alla nascita e 300 AUSD al mese: se la coppia divorzia (anche qui i divorzi sono in aumento) il Governo aiuta chi ha con se’ il figlio/a a cercare un lavoro ed una nuova residenza, oltre ad un sussdio mensile.

Dal sito del Corriere:

Silvio Berlusconi si è scottato con la borsa dell’acqua calda? C’è chi si è ustionato di più con la Legge finanziaria. Come le famiglie con figli down. Che ancora una volta si sono sentite tradite. Erano più di dieci anni che aspettavano che fosse riconosciuto a tutti i disabili, anche a quelli un po’ meno gravi che qualche lavoretto riescono a farlo, il diritto alla pensione di reversibilità dei genitori. I quali vivono con l’incubo di morire lasciando i loro cari esposti alla vita quotidiana come ai flutti di un mare in burrasca. Avevano scritto a Tommaso Padoa-Schioppa e il ministro dell’Economia, turbato, aveva dato la sua parola: quel milione e mezzo di euro necessario, cascasse il mondo, sarebbe stato trovato.

Macché: all’ultimo momento la commissione bilancio della Camera, dovendo tagliare qua e là per far quadrare i conti, ha tagliato là: «Spiacenti, i soldi sono finiti». Una figuraccia. Imbarazzante. L’ennesima di un percorso governativo accidentato. E segnato da scivoloni. Prima la rimozione dal cda Rai di uno dei rappresentanti del centrodestra, quell’Angelo Maria Petroni che, sbrigativamente rimpiazzato con l’«indipendente» Fabiano Fabiani, ha vinto il ricorso per tornare al proprio posto. Poi la destituzione del comandante della guardia di finanza Roberto Speciale con procedure così sballate (a partire dalla «promozione » rifiutata alla Corte dei Conti) da esporre l’atto all’annullamento da parte del Tar. Poi ancora il «pacchetto sicurezza» che, mille volte promesso e rilanciato dopo il brutale omicidio a Roma di Giovanna Reggiani, finisce per venire talmente pasticciato, sia sotto il profilo costituzionale sia sotto quello politico con l’aggiunta dell’omofobia, da dover essere ritirato prima di essere esposto a nuove bocciature… Insomma, una via crucis. Della quale la Finanziaria, corretta in corsa anche nelle tabelle riassuntive dato che si sono accorti che c’era un errore di 345 milioni (!) è una stazione. Di spine e dolori. C’è chi dirà che, quanto a delirio burocratese, va già meglio dell’ultima volta. Quando i commi inseriti in un solo articolo per tagliar corto con obiezioni, emendamenti e ostruzionismi vari, furono 1.365, record planetario. Ed è vero: i commi sono scesi a 1.201, cioè 164 di meno e spalmati su tre articoli. Ma sono comunque più del doppio di quei 572 commi che nel 2005 costarono al governo delle destre un brusco richiamo di Carlo Azeglio Ciampi. E’ questo che intendeva Romano Prodi quando, sotto l’infuriare delle polemiche intorno al progressivo e mostruoso gonfiarsi delle leggi di bilancio (244 commi nel 1995, 471 nel 2002 o 612 nel 2006…) promise che quella di quest’anno, dopo la prima di «rodaggio», sarebbe stata «una Finanziaria snella»? Boh…

0 risposte su “Australia-Italia : welfare a confronto”

Uauuu… Ho voglia di spiaggia!! y qué olas!! Espero que te hayas aprovechado para bañarte algún dia… yo lo habría hecho!! Y aprender a surfear…no estaría mal

Uauuu… Ho voglia di spiaggia!! y qué olas!! Espero que te hayas aprovechado para bañarte algún dia… yo lo habría hecho!! Y aprender a surfear…no estaría mal

Lascia un commento