Categorie
Generale

Qualche domanda sulla base USA di Vicenza

http://www.grillonews.it/

La decisione del governo degli Stati Uniti di costruire una nuova base militare a Vicenza pone all´Italia alcune importanti domande. Perché gli Stati Uniti hanno bisogno di questa nuova base? A cosa dovrà servire? A quali fini è destinata? In quali strategie militari sarà inserita? Quali missioni militari partiranno da Vicenza? Chi le autorizzerà? Il Pentagono o l´Onu? Quale coerenza c´è tra gli obiettivi di questa base e gli obiettivi delle Nazioni Unite e dell´Unione Europea? A quale progetto di sicurezza è destinata? Servirà a far rispettare la legalità internazionale o a violarla com´è successo in Iraq e in Somalia?

Sono domande legittime, motivate da altrettante preoccupazioni che attraversano il mondo intero: mai forse come in questi anni la politica militare degli Stati Uniti è stata messa sotto accusa in modo così diffuso. É possibile accettare la costruzione di una nuova base militare sul nostro territorio senza rispondere a queste domande?

Si dice che la base americana di Vicenza non contiene nessun deposito di armi e non ha finalità guerresche offensive né difensive ma soltanto logistiche. Eppure tutti sanno che ogni macchina da guerra è risultato dell'assemblaggio di numerose componenti singolarmente innocue. La domanda sulla destinazione d'uso di Vicenza è dunque politicamente e moralmente pertinente e inevitabile. La cessione di una nuova parte del nostro territorio ad un paese straniero, seppur alleato, che assuma comportamenti lesivi del diritto e della legalità internazionale e della stessa Costituzione Italiana ci rende corresponsabili di tali violazioni? Alcuni sostengono che si tratta di un atto dovuto che discende dagli impegni sottoscritti dal nostro paese con l'alleato americano. Quali sono questi impegni? Quando e da chi sono stati sottoscritti? Perché il Parlamento non ancora ha potuto visionarli? Fino a quando sono validi? Non è forse il caso di cominciare a rivederli?

Si dice che gli impegni internazionali debbono essere sempre rispettati. Ma allora perché l'Italia non rispetta ancora gli impegni contro la povertà che il governo si è assunto con l'Onu e tutti gli altri paesi del mondo, come gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio?

Si dice anche che un eventuale diniego italiano metterebbe in discussione uno dei tre pilastri delle nostre alleanze internazionali: la Nato. Ma la base di Vicenza non è una base della Nato: è una base americana. Il problema che si pone oggi è dunque con l'alleato americano e non con l'alleanza atlantica. Senza aprire ora una pur necessaria riflessione sulla Nato, ci domandiamo: che bisogno c'è oggi, anno 2007, molti anni dopo la fine della guerra fredda, di mantenere ancora delle basi americane in Italia e in Europa al di fuori del quadro della Nato e dell'Onu? A quali esigenze strategiche di sicurezza risponde questa differenziazione? É mai possibile che gli importanti rapporti di amicizia con un alleato possano essere messi in discussione dalla mancata concessione di una nuova base militare nel nostro paese? Non è anche questa un'alleanza basata su rapporti di uguaglianza e autonomia? I rapporti tra gli Stati Uniti e l'Europa (non si tratta solo dell'Italia) sono stati sottoposti, negli ultimi anni, ad una lunga e complessa serie di tensioni sviluppatesi attorno all´Iraq e a numerosi altri problemi internazionali come quelli dell'ambiente. Quella di Vicenza non è né la prima né la più importante delle questioni aperte. É possibile porsi queste domande senza essere ideologicamente accusati di antiamericanismo? Molti esponenti del Partito Democratico così come il movimento per la pace degli Stati Uniti si stanno battendo contro la costruzione di nuove base americane nel mondo e per la riduzione di quelle già esistenti chiedendo una riduzione del bilancio militare americano che, da solo, oggi rappresenta oltre la metà dell´intera spesa militare mondiale. Essi chiedono che queste risorse vengano al contrario utilizzate per assicurare a tutti gli americani il diritto alla salute, all'istruzione e a un lavoro dignitoso. Possiamo essere insensibili alle loro domande?

E ancora: fino a quando possiamo serenamente accettare che così tante risorse continuino ad essere distrutte per fare la guerra mentre oltre due miliardi di bambine e bambini, donne, uomini e anziani sono costretti a combattere ogni giorno la dura guerra per la sopravvivenza? Possiamo cogliere questa occasione per rivedere le politiche di sicurezza in cui il nostro paese è inserito? Qual è la loro efficacia? Siamo sicuri che non ci sono altri modi per rispondere al bisogno di sicurezza delle donne, degli uomini e dei popoli del nostro tempo?

Altrettanta considerazione deve essere dedicata alle legittime domande poste dalle popolazioni locali. Visto e considerato che saranno loro a pagare il prezzo più alto in termini ambientali, sociali e di sicurezza, perché negare loro il diritto di esprimersi democraticamente? Come si concilia la costruzione della nuova base con il secondo articolo dello Statuto del Comune di Vicenza e con il primo articolo della legge (n.55) con cui la Regione Veneto “riconosce la pace e lo sviluppo quali diritti fondamentali della persona e dei popoli”?

Un paese moderno e un governo consapevole delle sfide che deve affrontare, deciso ad impegnarsi per la pace secondo il diritto internazionale dei diritti umani, la carta dell'Onu e la propria Costituzione deve rispondere a queste domande in modo franco, senza pregiudizi e anacronistici ideologismi. Di tutto questo crediamo si debba discutere apertamente, senza strumentalizzazioni di parte o di partito, nella società come nella politica, nelle organizzazioni della società civile, nei movimenti come negli enti locali e in Parlamento, con la sincera attenzione alla costruzione della pace che si fa sempre più urgente ed esigente.

Tavola della pace, 12 febbraio 2007

0 risposte su “Qualche domanda sulla base USA di Vicenza”

Mi dispiace, ma sono favorevole alla base USA di Vicenza principalmente per 2 ragioni:

1. La base dà e darà lavoro a molte persone residenti a Vicenza, in caso contrario verrà trasferita in Germania, che non è poi lontana e quello che dovranno fare lo faranno con o senza il consenso dei vicentini.

2. Ho fatto le superiori alla scuola internazionale di Vicenza. Le materie erano tutte in inglese e tutti prof e alcuni miei compagni di classe facevano parte della Caserma Ederle. L’ambiente era a dir poco stupendo e le persone assolutamente squisite (a parte il prof di storia che a causa del suo diabete, sputava come un lama, ragione per cui ci voleva un ombrello per stare in prima fila).

3. Sì, la caserma servirà per le nuove missioni in Africa. L’aveva già anticipato 3monti a Porta a Porta (lo so, sembrerò pazzo, ma guardo sempre Porta a Porta appena rientro dal lavoro).

4. Penso che a nessuno piaccia la guerra in sè. Ma non dimentichiamo che gli USA ci hanno liberato dal dominio germanico e che ora come ora la maggior parte degli stati europei non ha un esercito adatto per affrontare le crisi internazionali. Supponiamo questa cosa, che però mi sembra altamente improbabile:
Se domani un qualsiasi stato decide di attaccare l’Italia, chi viene in nostro soccorso? Noi stessi non sapremmo auto-difenderci, quindi il ruolo degli stati uniti mi sembra fondamentale.

Certo, interprete, ma non è che l’Italia debba autorizzare la nuova base USA solo perchè hai un tenero ricordo della tua fanciullezza sui banchi di scuola a Vicenza….

Marta, la base c’è sempre stata, si tratta solo di spostarla e ampliarla. Non vedo perchè no. Più di 800 vicentini ci lavorano e se venisse spostata in Germania perderebbero il lavoro.

Mi sembra una cosa assurda del tipo: no alle centrali nucleari! Quando poi ci sono nella vicinissima Francia, praticamente a un tiro di schioppo da noi!

Cmq Marta mi hai dato un grande spunto: nella nuova base ci saranno più americani quindi potrebbe esserci anche tanto materiale da tradurre (anche per le ditte edili che si occupano di costruire la nuova base). Quindi bisogna puntare su questa grande opportunità e cercare di portare via la propria fetta di torta, sbaglio?

Guarda interprete, volendo le opportunità di lavoro ci sarebbero già, anche in altri settori, non ci sarebbe bisogno di allargare la base USA…..

Lascia un commento