Categorie
Generale

La guerra giusta ?

Questa è la risposta di Gino Strada a una ragazza che gli chiedeva come rispondere a chi e’ convinto, anche in buona fede, che ci siano guerre giuste o inevitabili, quelle fatte per combattere le dittature, i soprusi.
sarebbe bello avere “una risposta breve secca e inequivocabile”. (…) Credo, molto semplicemente, che la “voglia di guerra” non stia nella natura umana. Prova ne sono gli sforzi immensi che deve fare ogni volta il Potere per far accettare ai cittadini l’idea della guerra, la sua necessita’.

La guerra va preparata adeguatamente, i cittadini non sono “naturalmente” portati ad aderirvi. Non stupisca: non si sono mai viste mille volpi attaccare insieme un allevamento di pollame, anche in tempi non sospetti.

Servono bugie, campagne di disinformazione di massa, blandizie e promesse di “green cards”, perfino l’arruolamento coatto e la galera per i piu’ ostinati. I cittadini vanno “portati” in guerra. Per il re o per la Patria, per Dio o per l’ONU, per la democrazia o per i diritti umani…

Il fatto e’ che le guerre non le hanno mai dichiarate “i cittadini” o “il popolo”. Sono sempre state volute, osannate, finanziate, decise dalle classi dominanti (chi ha soldi e potere, per intenderci).

Poi, ad ammazzare e farsi ammazzare ci hanno sempre mandato i figli dei poveri. Non a caso, tra le truppe dell’esercito USA in Iraq, il cognome piu’ diffuso e’ Gonzales.
Una guerra potra’ anche apparire legittima, in qualche caso persino inevitabile, comprensibile.
Ma nessuna guerra potra’ mai essere “giusta”.
Perche’ e’ portatrice, per natura, di ingiustizia e di degrado.

L’ ingiustizia che si abbatte su chi, ogni volta, ne paga il prezzo di morte e di sofferenza, di miseria e di dolore. I civili innanzitutto, vittime nove volte su dieci, segnati dalla poverta’ e dalla fame, dalle mutilazioni e dalle malattie. E il degrado di umanita’, l’abbrutimento, l’abitudine alla violenza, la perdita di civilta’.
Puo’ mai essere “giusto” l’orrore? No, al punto che ogni volta il vero problema e’ di “giustificare” una guerra.

Da molti, troppi anni abbiamo sotto gli occhi le conseguenze di rapporti tra gli uomini basati sulla sopraffazione e sullo sfruttamento, sull’uso della forza.
Visti i risultati, e’ cosi’ folle, o utopico, cercare una via diversa?
E’ cosi’ mostruoso pensare a come rendere possibili rapporti umani fondati sull’eguaglianza e sulla solidarieta’, rapporti dai quali sia escluso l’uso della violenza di massa, che la si chiami terrorismo oppure guerra?

Dobbiamo capire in fretta quali potrebbero essere le condizioni necessarie per disegnare non solo una politica di pace, ma addirittura la pace come politica, perche’ possa avviarsi il processo di espulsione della guerra dalla Storia.

Gino Strada>>

Lascia un commento