No alla confisca delle moto !

Caro visitatore,
il 23 agosto 2005 e’ entrata in vigore una legge (n°168/2005) che prevede la confisca dei ciclomotori e dei motocicli. Purtroppo l’informazione data ai cittadini è stata scarna e superficiale: non è vero che sarà attuata la confisca solo per chi va in giro senza casco o in due sui ‘cinquantini’ (come lasciavano intendere gli articoli apparsi sulla stampa), ma anche per altri infrazioni meno gravi e assai diffuse. Togliere la mano dal manubrio per spostare la visiera del casco, sgranchirsi una gamba oppure appendere la borsa della spesa sul gancio presente su ogni scooter. Fantascienza? No, la confisca e’ automatica ed obbligatoria.

La confisca del mezzo (che sara’ messo all’asta) è una pena sproporzionata rispetto all’illecito commesso e introduce gravi discriminazioni rispetto alle auto ed altri mezzi. Guidare un’auto con una mano o parlando al telefonino, salire in 10, trasportare carichi pericolosi… non porta alla confisca dell’auto o del mezzo pesante, mentre chi commette le stesse infrazioni su un mezzo a due ruote, rischia di perderne per sempre la proprieta’.

Ecco perche’ la legge VA CAMBIATA al piu’ presto:
– introducendo sanzioni amministrative (fermo del veicolo,sospensione della patente, revoca) solo nel caso di gravi illeciti
– eguagliando le pene tra motocicli, ciclomotori ed altri mezzi che circolano.
– facendo rispettare le norme che gia’ esistevano e che, se applicate, sono piu’ che sufficienti: spaventare il cittadino per reprimere e’ degno di uno stato medioevale!

Per un eventuale approfondimento,
http://www.maxkava.com/moto/

E’ stata attivata anche una petizione on-line, che sta riscuotendo il
consenso di chi guida un mezzo a due ruote e anche di moltissimi automobilisti:
http://www.petitiononline.com/legge168/petition.html.

0 pensieri riguardo “No alla confisca delle moto !”

Lascia un commento