Categorie
Generale

Cina, lo sfruttamento all’ombra di Paperino

PECHINO – Libri di Topolino, album colorati con le figure del pesciolino Nemo, agendine e giochi con i popolari personaggi dei cartoons di Walt Disney. Sono le prove a carico in un impressionante dossier sugli abusi dei diritti umani nelle fabbriche cinesi. Dietro gadget e giocattoli che vengono venduti ai bambini del mondo intero dalla multinazionale Disney ci sono migliaia di operai cinesi pagati 60 euro al mese.

Costretti a lavorare 13 ore al giorno, e vittime di una tragica serie di incidenti in fabbrica: dita e mani amputate, morti sul lavoro. Le accuse sono documentate da un gruppo di ricercatori universitari di Hong Kong che sono riusciti a raccogliere le testimonianze degli operai e rivelano le loro scoperte in un voluminoso rapporto con il titolo “In cerca della coscienza di Topolino”. La denuncia esce a tre settimane dall’inaugurazione del nuovo parco divertimenti Disneyland-Hong Kong, che è già stato al centro di controversie, in un periodo critico per i vertici della Disney in America.

(continua…)

Lascia un commento