ieri a cena mia madre che mi chiama dalla stanza d’albergo per dirmi che non vuole che vada via più con marco. oggi mio padre che mi chiede se ho letto il contenuto del dischetto e che mi dice che ci devo riflettere. riflettere per lui vuol dire cambiare, dire che non sento ciò che sento, cancellare i miei sentimenti per cercare qualcosa che non voglio, o almeno che non voglio in questa fase della mia vita. non so se in futuro sarà ancora così , ma non mi interesso. quando si è piccoli si vuole giocare, quando si è adolescenti si vuole lavorare per avere soldi per comprarsi un po’ di cavolate, quando si e’ adulti si rimpiange di non aver studiato abbastanza (non è il mio caso, per fortuna!).

non so nemmeno se sia giusto che io riferisca paro paro a marco tutto quello che i miei dicono. non mi pare giusto. non so se un ragazzo direbbe alla sua ragazza cosa ne pensano i suoi genitori riguardo lei. la ferirebbe rischiando di mettere in secondo piano ciò che lui prova per lei, quello che è veramente importante. il fatto è che io non ho un migliore amico o una migliore amica con cui confidarmi, qualcuno di cui mi fidi, a parte marco. ed è un bel casino.

questa settimana a casa per stare con nonna (che poi alla fine con lei ci sono stato pochissimo, oggi ho finito al lavoro alle 16.10 ma sono arrivato a casa poco fa anche perchè ho fatto un po’ di spesa all’ali, domani sera alle 22 tornano i miei da Rimini) non sono mai andato in palestra . ho rimediato andando un po’ di volte al lavoro in bici, ma la settimana prossima al lavoro sarà campale perchè inizia il trasferimento della camera: farò tutti i giorni 9 ore, e i miei…di certo non danno una mano, anzi.

sto iniziando a pensare che siano davvero egoisti cercando per me quello che loro credono sia la cosa più bella: hanno avuto ragione molte volte, ma prima vietandomi di andare in tnt poi, di fatto, costringendomi a stare solo per non uscire con marco, mi stanno facendo molto male. so che superero’ anche questo momento, ce ne sono stati di molto peggiori, anche solo due anni fa, però mi dispiace. marco è giù di morale da quando gli ho raccontato queste cose, e questo mi fa stare ancora più male. lui che è così solare , è un sorriso vivente, che si butta alle spalle tutti i problemi, beh, riesco a rattristare anche lui. sbaglio, sbaglio, sbaglio troppe volte e quello che vorrei è solo stare con lui . nonna mi aspetta da venti minuti per la cena, ma visto che mi sono dimenticato al supermercato di acquistare proprio la MIA cena, stasera si va a banane e a pesche. al supermercato mi sentivo solo: dov’è marco ?

poco fa mi ha chiamato marco…mi ha detto che c’è stata una assemblea alla deta, e che sono stati licenziate un po’ di persone….il suo posto ,come quello di altri della produzione ,è fuori pericolo almeno fino a fine anno, poi si vedrà come va il mercato. sono molto preocupato anche se prima che licenzino marco ,che è bravissimo velocissimo e volenteroso, sicuramente licenzeranno altre persone. marco mi fa:”l’ingegnere è una persona davvero in gamba…ci ha fatto un discorso giusto…mi ha detto che questo non è uno stato comunista e siccome la gente che non lavora la paga l’azienda e non lo stato, purtroppo, se bisogna ridurre i costi, bisogna licenziare. anche lui ha dovuto licenziare due persone dell’ufficio tecnico perchè sono in esubero”. gli ho mandato un sms mentre ero a pranzo in palestra (sono a fare una mega assistenza in promopadova), che dice così: vorrei parlare con te, anche se non è nulla di importante, su quanto mi hai detto del lavoro. io non voglio uno stato dove anche i fannulloni abbiano uno stipendio ,ma non voglio nemmeno uno stato con il lavoro a chiamata o interinale. uno stato non dev’essere per forza comunista perchè rifiuta la precarietà del lavoro. Nei paesi del nord europa non i sono le schifezze che abbiamo ultimamente in Italia, e non sono di certo comunisti. quella che vige da noi non è la legge del mercato,, questo è quello che ci vogliono far credere. quella che vige è la legge del più forte, per cui tu operaio italiano devi essere competitivocon un fanciullo cinese sfruttato e senza diritti che lavora in cina o a manzano .e l’obiettivo di questi signori, non parlo della deta, ma di certi governi, è di darti la stessa precarietà del cinese, e non di migliorare la sua condizione di vita. non cambia nulla, questo che ti dico, sul tuo futuro, e non ti è di aiuto, ma spreo che tu capisca che in questa società del terzo millennio chi ha soldi, come le multinazionali, ne ha sempre di più , e chi fa i sacrifici, cioè i lavoratori, sono messi in competizione tra loro. che bello aver letto quel libro di diritto penale del lavoro… “. torno a fare l’assistenza. acroba 5.0 da installare!

sono appena tornato a casa. dopo mesi e mesi, sono andato con nonna a cena dagli zii. abbiamo mangiato bene ma credo sempre che lo zio si comporti un po’ troppo da padrone nei confronti della zia. e soprattutto non posso mai parlare con stefano , nessuna cosa di più di un ciao come va. peccato perchè so che ne ha bisogno. lo zio butta tutto in vacca. ha visto il portachiavi della pickwick e fa a stefano: guarda qui i tuoi alieni dove sono…..mi dispiace. mentre ero a tavola mi ha chiamato stefano di lendinara, vorrebbe venire a cena da noi martedi. a me fa piacere ma preferirei uscire io e lui per una pizza, forse potremmo parlare senza interruzioni e magari più liberamente. io martedì avrò le 9 ore e tornerò a casa distrutto. vabbè. se posso dargli una mano, dopo quello che ha passato, ne sono felice. se lui passerà lo stage, avrà un posto….in un supermercato. ogni giorno mi rendo sempre più conto che col mio lavoro sono un ragazzo fortunato. ora vado a ninna. domattina assistenza mega a promopadova. spero di non dimenticarmi dischetti e cose varie a casa !

finalmente ho un po’ di tempo per dare un’occhiata a questo coso…e la prossima volta ci proverò su linux….

stasera a cena dagli zii….diritto commerciale ….uhm sono giusto risucito a leggere gli otto tipi di fonti primarie secondo l’ordinamento giuridico italiano (le fonti primarie sono quelle sottoposte solo alla Costituzione)…chissà se fra mezz’ora me le ricorderò.

Mannaggia questo blogger non funziona…..dove avrò sbagliato….grrrrr

Questo è il mio primo messaggio nel blog, cioè il mio diario. Beh cosa dire di oggi: nove ore di lavoro più il compito di tedesco: mamma mia chi si immaginava che ci chiedessero come si dice schiena , gamba, pancia, in tedesco!! al lavoro ci siamo messi a fare il trasloco , buttando via un sacco di cd , floppy e vecchi manuali. ci sono venute in mano anche vecchie tastiere dell’IBM, ma quanta polvere ! domani, mascherina =) non vedo l’ora che diventi sabato così vado su da Marco e ci facciamo un giro a Lignano. Anzi devo sentire quel teppistello di Simone di Latisana per sapere se si può fare già il bagno. Non ho voglia di andare in palestra, quella domani =)

CiauZ