Golden milk fatto in casa

Il golden milk, o latte d’oro , è un’antica ricetta ayurvedica a base di curcuma, una spezia conosciuta per il suo potere antinfiammatorio.
Viene consigliato quindi sia per lenire i disturbi alle articolazioni sia per depurare il fegato che come antinfiammatorio naturale.
Prepararlo è davvero semplice e ieri ci sono riuscito persino io :
servono 1/2 tazza d’acqua (circa 120ml), 1/4 di tazza di curcuma in polvere (60g). La si riscalda in un pentolino sciogliendo gli eventuali grumi fino a che il composto diventa cremoso.
Questo sarà l’impasto che durerà circa 40 giorni , da tenere in frigorifero possibilmente in un recipiente di vetro coperto.
Ogni giorno si prenderà un cucchiaino del composto , da sciogliere in una tazza di latte caldo (vegetale o no, io uso Zymyll), aggiungendo poi un cucchiaino di olio di mandorle, ricco di vitamina E e senza zuccheri artificiali. Eventualmente si possono grattare delle scaglie di cannella. Il composto è molto buono. Ecco nella foto sulla sinistra il composto da tenere in frigorifero e la bevanda preparata:

Il golden milk che ho preparato ieri.

Timballi colorati di riso

dal sito altromondo

TIMBALLI COLORATI DI RISO

rosso

 

Riso thay rosso

Integrale a chicco lungo da agricoltura biologica

Diffuso in diversi Paesi del mondo, il riso rosso cresce spesso allo stato selvatico in terreni argillosi. In Cina, ad esempio, viene fermentato con lievito e diviene ingrediente prelibato per l’anitra alla pechinese.

Il riso rosso Altromercato (hom mali jasmin) cresce in Thailandia nei terreni scarsi d’acqua, ove null’altro cresce. Ha chicco di dimensioni medio lunghe, profumo particolarmente aromatico e si caratterizza per il colore rosso brunito. In Thailandia si serve a colazione per l’elevato contenuto nutritivo e caratteristico sapore dolce.

Caratteristiche: è integrale, dunque ricco di fibre e di sostanze nutritive, ha sapore dolce e una volta cotto, si conserva per più giorni. Ha un tempo di cottura di 30-35 minuti. È ottimo saltato con verdure, spezie e condimenti.

Viene coltivato con metodo da agricoltura biologica nelle provincie di Chachoengsao, Chiang Mai nel nord est della Thailandia.

Idea-ricetta

Timballi colorati di riso

Ingredienti per 4 sformati
180 gr riso Thay rosso
Mezzo cucchiaino di masala per verdure
Mezza cipolla
Olio extra vergine d’oliva
Burro
60 gr lenticchie rosse 700 ml di acqua o brodo
4-5 carote
Aneto
Zenzero

Preparazione

Lessate il riso in acqua per 30-35 minuti.
A 10 minuti dalla fine della cottura salatelo.
Scolatelo e tenetelo da parte.
Soffriggete la cipolla nell’olio, aggiungete il marsala e lasciate insaporire per 2 minuti.
Unite le lenticchie e il brodo, cuocete per 20 minuti.
Salatele e passatele fino ad ottenere una crema morbida.
Tagliate le carote a cubetti molto piccoli e cuocetele in poco burro, con sale e un pizzico di aneto.
Mescolate dunque il riso, la crema di lenticchie, lo zenzero e le carote a pezzetti, cuocete ancora 5 minuti.
Oleate degli stampini Da forno e riempiteli con il composto, premendolo bene.
Metteteli in forno caldo a 180° e lasciate cuocere per 10 minuti.
Rovesciate i timballi e serviteli non troppo caldi accompagnati da verdure saltate

Peperonata veloce in pentola

Prendere un peperone rosso e uno giallo tagliarlo a metà , togliere i semi ed il picciolo . Poi lavarli sotto l’acqua corrente e poi tagliarli a dadini. Prendere una cipolla tagliarla a pezzettoni . Metterla in un tegame con due cucchiai d’olio extra vergine di oliva, una presina di sale e mettere a cuocere coprendo con un coperchio. In 15-20 minuti saranno pronti miscelando di tanto in tanto a fuoco medio.

Zuppa parmentier

Dopo il passato di verdure il nuovo piatto salva-inverno che preparo è la zuppa parmentier , una specialità francese che i miei genitori hanno assaggiato per la prima volta durante le brevi vacanze estive a Rimini. Rispetto alla versione proposta da Giallo Zafferano mamma mi ha suggerito di non usare il brodo (userei il dado che non è il massimo in tema di cibo sano) ; lei inoltre non fa saltare il porro sulla padella prima di metterlo a bollire.

Lei non mette nemmeno la panna, ma quella io la metto eccome 😉
Per il resto, molto semplice : 250 g di porri, patate per 750 g circa, aggiustare di sale e pepe ed i soliti 25-30 minuti di bollitura. Poi , aggiunta di panna e minipimer.

Zuppa parmentier in bollitura.

 

 

Passato di verdure (ricetta di mamma)

per tre giorni :
– 4 zucchine tagliate grossolanamente
– 3 carote tagliate grossolanamente
– 1 gambo di sedano (tagliato a pezzetti 1 cm-2)
– 1 cipolla tagliate grossolanamente
– 1 patata tagliate grossolanamente

mettere a bollire per 45′ – 1 ora o in pentola a pressione 10-15′
l’acqua in modo da coprire le verdure di 2-3 cm
mettere 1 cucchiaino di sale grosso

poi lasciare leggermente abbassare la temperatura e passare al minipimer
nel piatto si mette 1 cucchiaio/ino di olio evo a crudo e un po’ di grana

Ingredienti per il passato di verdure.

Spezzatino di pollo con germogli di soia

Ingredienti per 6 persone:

– 500 g di petto di pollo tagliato a dadini
– 1 cipolla tritata
– 1 carota
– 1 gambo di sedano
– 1 bicchiere di vino bianco
– 1 patata
– 5 pomodori
– peperoni
– olio d’oliva
– 1 confezione di germogli di soia (Suzi Wan)
– 400 g di Riso Basmati (Suzi Wan)

Preparazione: soffriggere il petto di pollo tagliato a dadini in una casseruola con l’olio insieme alle verdure finemente affettate ; sfumate con il vino bianco, aggiungete i pomodori e la patata tagliata a pezzetti. Bagnate con il brodo , coprite e cuocete per circa 12/15 minuti a fuoco lento. A fine cottura unite i Germogli di Soia Suzi Wan sgocciolati , il peperoncino e aggiustate con la Salsa di Soia Suzi Wan . Cuocete il riso basmati in una casseruola con acqua salata per circa 10 minuti a fuoco basso. Unite il riso alla carne e al sugo dello spezzatino e guarnite con prezzemolo tritato .

(altre ricette sul sito suziwan.it)

C’è ricetta e ricetta

Da sempre dico che le ricette di cucina sono fatte per chi sa già cucinare.

Vi faccio un esempio: oggi dovevo preparare l’uovo in camicia. Con il primo uovo non mi è riuscito, con il secondo sì. Perchè con il secondo sì ? Ci sono modi e modi di spiegare come far “funzionare” una ricetta. Guardate questa splendido “tutorial” sull’uovo in camicia.

Semifreddo alla liquirizia

25 gr di liquirizia purissima possibilmente frantumata (tipo quella saila o oronero)

75 gr di zucchero

1 tuorlo d’uovo

250 ml di panna da montare (non quella spray 🙂 )

3 cucchiai di latte

———————————————————–

Tritare piu’ finemente per quanto possibile la liquirizia con il tritatutto.

Versarla poi in un piccolo pentolino insieme al latte e farla sciogliere completamente  a fiamma bassa.

Unire il tuorlo con lo zucchero e sbatterli un poco assieme e dopo unirci o sciroppo di liquirizia appena creato.

Montare la panna finché non diventa bella spumosa e a questo punto aggiungerci il composto preparato prima e mescolare dal basso verso l’alto facendo attenzione di non “smontare” la panna.

Versare in un contenitore o in stampi da muffin e lasciare riposare nel freezer almeno un paio d’ore.