Categorie
Generale

Sbranato dai migliori amici dell’uomo, muore a 50 anni

http://firenze.repubblica.it/cronaca/2012/02/28/news/sbranato_dai_cani_randagi_muore_camionista_di_50_anni-30639764/

Aveva cinquant’anni il camionista trovato morto, sbranato da una decina di cani. E’ successo tra le province di Pisa e Livorno in una zona chiamata Biscottino, un’area industriale. L’uomo era a terra in via dell’Arnaccio, dilaniato dai morsi di 8 cani. Si tratta di un siciliano, Vito Guastella, 50 anni, che lavora per la ditta Marco Polo.

Guarda le immagini dei cani

In base alle prime ricostruzioni dei carabinieri, il camionista stava agganciando un rimorchio quando è stato aggredito.  A trovarlo è stata una dipendente di una ditta di pulizie. In quel momento alcuni cani randagi stavano infierendo sul corpo dell’uomo. Sul posto è intervenuta un’ambulanza del 118 e il medico ha constatato il decesso.
Sulla vicenda indaga il nucleo investigativo dei carabinieri di Livorno. Resta da chiarire se l’uomo sia morto a causa di un malore (e successivamente il corpo sia stato aggredito dagli animali) o a causa delle ferite provocate dai morsi dei cani che lo avrebbero attaccato mentre l’autista stava lavorando vicino al proprio camion.

In quella zona vivono, spiegano i carabinieri, 8 cani  di grossa taglia, che sono stati presi in carico dalla Asl. Una donna che abita in una ruolotte nelle vicinanze dà loro da mangiare e sarà sentita dai carabinieri per chiarire se ha visto l’inizio dell’attacco degli animali. Il corpo dell’uomo è stato ritrovato vicino ad una recinzione che circonda lo spiazzo dove stava lavorando. Non è chiaro se ha tentato di fuggire. I cani lo hanno morso ripetutamente alle gambe, trovate scarnificate. Stando ai primi rilievi le tracce di sangue e i brandelli dell’abbigliamento dell’uomo (la cintura è stata spezzata a metà) sarebbero state trovate in un’area di svariati metri quadrati. Ad accorgersi di quanto accaduto un altro dipendente della ditta la cui attenzione è stata attirata dal camion della vittima che si trovava fermo con il motore acceso. Sulle cause del decesso la Procura ha comunque disposto l’autopsia.

Ma i cani, secondo l’Asl di Livorno, non sarebbero randagi. “Per legge, appartenenti al proprietario del terreno nel quale abitualmente dimoravano”.
Il personale dell’ufficio veterinario dell’Aslha catturato 7 degli 8 cani che presumibilmente componevano il branco che ha sferrato l’attacco. Sono cani meticci di media-grossa taglia simili a dobermann. Tutti gli animali sono stati portati in una struttura convenzionata e sottoposti a profilassi antirabbica e nei prossimi 10 giorni saranno disponibili i risultati degli esami per verificare la presenza di eventuali patologie che possano aver influito sulla loro aggressività nei confronti dell’uomo

Lascia un commento