Categorie
attualità personale

Se è immigrato , colpevole fino a prova contraria

Agghiacciante l’approssimazione (e la cosa più grave è che è approssimazione a senso unico) dei giornalisti e dei media italiani sui fatti di cronaca. Uccidere qualcuno in un incidente stradale è oramai un qualcosa di scontato e inevitabile, a meno che l’investitore non sia drogato o ubriaco, ancor peggio se è un extra-comunitario.

A Lamezia Terme un extracomunitario, “drogato e senza patente” , investe e uccide sette ciclisti. Si scopre poi che aveva la patente. Ora, ci sono dubbi sul fatto che fosse pure drogato. Ma che modo è di dare le notizie ? In ogni caso, la Questura sconsiglia alla famiglia dell’investitore di partecipare ai funerali. E’ un paese civile il nostro ?

Nello stesso giorno, la scomparsa di una ragazza nel bergamasco. Il giorno dopo si parla già del presunto colpevole, anche lui extracomunitario. Compaiono a Brembate cartelli contro gli immigrati, interviste (il tg4 regna ) ai cittadini che “non ne possono più dei reati commessi dagli extracomunitari”. Peccato che ci sia stato un errore nelle trascrizioni delle intercettazioni che avrebbero portato a questo extracomunitario, che peraltro ha un alibi dato da un imprenditore (per fortuna sua l’imprenditore è italiano), e che ad essere ricercati siano anche due italiani. Ma sui cartelli di Brembate di italiani non si parla.

Sempre più mi sorge un dubbio, e cioè che l’informazione sia sempre più orientata in modo distorto per spostare l’odio dell’attenzione pubblica non tanto sulla mancanza di sicurezza sociale (dal 1 gennaio verranno licenziati 3200 precari nella pubblica amministrazione, vediamo poi il grande Tremonti, quello che in 15 anni di promesse non ha ancora ridotto a tre le aliquote, non ha ancora aumentato la tassazione delle rendite finanziarie dal 12.5 al 20% come avviene in tutti gli altri paesi dell’Unione Europea, non ha applicato la Tobin Tax,  come farà a far andare avanti la baracca) per la grave crisi non solo economica ma anche di degrado morale del paese che ha nel premier e i suoi festini l’esempio più lampante, bensì sull’extracomunitario, sul diverso, su quello da fuori.

Una scena già vista nella politica estera americana dell’ultimo ventennio , per non parlare di ogni forma di governo anti-democratica che ha sempre puntato sul “diverso” per distogliere l’opinione pubblica da ….. approposito, la gente dell’Aquila è rientrata nelle proprie case ?

Lascia un commento