Categorie
Generale

Quando la qualita’ la fanno le persone

…cioe’ sempre. Molti , soprattutto nelle posizioni di management, credono invece che la qualita’ passi attraverso l’informatizzazione spinta e la contemporanea intercambiabilita’ delle persone. In questa foto scattata questa sera nella stazione di Erskineville, Sydney, un addetto della stazione sposta a mano le lancette degli orologi per indicare a che ora passa il treno successivo per le destinazioni raggiunte dai treni che transitano in quella stazione.

Non servono costosissimi display a cristalli liquidi (spesso guasti) e un sistema informatico altrettanto costoso, l’obiettivo e’ quello di INFORMARE il cliente. Alcuni dei ragazzi australiani che ho conosciuto al pub dopo la bellissima rappresentazione teatrale di questa sera mi hanno confermato proprio che in Italia, al momento di prendere un bus o un treno, di acquistare un biglietto, si sono sentiti abbandonati a loro stessi.

Anche durante questo week-end non ci saranno treni a North Sydney, ma quando abbiamo dovuto ricorrere ai bus , di fronte a ogni stazione (chiusa) dei treni, c’erano due (gia’, due, “uno spreco” direbbero meta’ degli italiani) addetti della City Rail che davano informazioni agli utenti su dove si sarebbero fermati i bus sostitutivi (chi ha preso i bus sostitutivi di Trenitalia sa cosa vuol dire non sapere dove si fermera’ un bus sostitutivo in Italia) , quale avrebbe fatto meno fermate per raggiungere una determinata localita’, e la frequenza di passaggio. Altro che in Italia !!!

Ma veniamo alla commedia davvero esilarante, centrata su un ragazzo gay a cui i genitori dicono basta: vogliono un ragazzo normale, non uno che non sa altro che fare shopping e vestire in modo troppo sgargiante. Per questo prendono per lui una psicanalista che dovrebbe curarlo….ma non tutto va secondo i loro piani. Dopo la commedia, il ritrovo al South pub, sempre li vicino alla stazione (un treno ogni 30 minuti per raggiungere Sydney per tutta la notte) , insieme a ragazzi che sono a Sydney per lavoro dall’Austria (Christian, che fa l’infermiere), Irlanda (Paul, ONG), Germania, e ovviamente io e Marco ed altri ragazzi ancora. Qui Marco in foto con Joel , lo stesso della foto qui sopra, poco dopo lo spettacolo.

Lascia un commento