Categorie
Generale

A chi giova la delinquenza di via Anelli/Manara a Padova

(dalla copertina del “Mattino” di oggi)

Blitz in via Manara , ieri , e controlli in una quarantina di alloggi affittati: il 30% degli inquilini sono risultati avere un contratto d’affitto in nero; padroni di casa, dunque, oltre che evasori fiscali, responsabili di questa “affittopoli” per clandestini , che costituisce una delle tante emergenze di questa città.

Domanda: ad An e Forza Italia non era mai venuto in mente ?

12 risposte su “A chi giova la delinquenza di via Anelli/Manara a Padova”

Fai bene a sottolineare l’importanza del controllo della regolarità degli affitti, ma non capisco la domanda finale: alloggiare senza regolare contratto è illegale, quindi è compito delle forze dell’ordine sanare questa situazione, non dovrebbe essere la politica a dire se e quando si deve controllare.

Caro Andrea, perfettamente d’accordo con te su tutta la linea. Il punto è che questi signori – ronde , striscioni, addirittura la canzoncina del carabiniere e onorevole Ascierto contro gli irregolari , oltre a fare “spettacolo” , non hanno mai proposto cose del genere dal punto di vista politico, nè le hanno fatte quando erano amministratori. Il colmo è che chi le sta facendo è una assessore, donna, di Rifondazione Comunista (quelli che, a detta di molti e non sempre sbagliando, difendono i fannulloni, gli irregolari, ecc.) . Chiaro che dovrebbe essere il braccio operativo, cioè l’Agenzia delle Entrate, a fare questi controlli, ma come è facile intuire, senza la collaborazione tra le istituzioni e prima ancora tra cittadini, non si va da nessuna parte.

“non dovrebbe essere la politica a dire se e quando si deve controllare.”

Cosi’ come non dovrebbe essere la politica a scagliarsi contro gli immigrati clandestini accusandoli di essere l’unico male di questo mondo.
Chiaramente in questo caso ci si riferisce piu’ che altro alle frange piu’ xenofobe dei nostri partiti di destra ma il succo del discorso potrebbe essere questo: dov’erano le forze dell’ordine e la politica quando tanti anni fa i proprietari degli appartamenti di via Anelli cominciavano a speculare affittando i loro alloggi a immigrati senza permesso di soggiorno e proprio per questo riuscivano a farsi pagare cifre enormi rispetto a quello che riuscivano a spremere prima agli studenti universitari? Dov’erano quando chiunque si stava rendendo conto che li stava nascendo una concentrazione di disperati, malavita e condizioni igieniche disastrose?
Saranno stati seduti attorno ad un tavolo a decidere che ancora una volta il metodo piu’ economico e facile per affrontare questo tipo di problema fosse quello di favorire la formazione di un ghetto.
Piu’ facile da controllare e gestire avranno pensato.

E sì che la storia dovrebbe averci insegnato qualcosa a proposito dei ghetti…

Qui non si tratta caro Fabio di dare una colpa a qualche partito (mi risulta che il muro del pianto l’abbia fatto ZANONATO!!).
Si tratta di migliorare con infrastrutture controlli e sicurezza maggiore le zone degradate di Padova. Certo non mi aspetto che nel tuo forum ci sia qualcuno che la pensi come me.
La piaga dello sfruttamento degli extracomunitari però è un dato di fatto perchè molti sono in situzioni per cui è più facile ricattarli e non fargli un contratto di affitto regolare..
Però eviterei come fai te di dare la colpa sempre alla destra.. Anche perchè ora Zanonato sta facendo una politica di destra contro le prostitute e con via Anelli.
Grazie ciao un abbraccio forte e a presto..
gigi

Caro Fabio, non so se continuare oppure no perchè io e te andiamo d’accordo su tutto fuorchè sulla politica. Certo è che dal mio punto di vista di architetto vedo che lo stato ci ha spremuto molto e poi, invece che ridurre il debito (era attivato al 127% nel 1992)cosa fa? Aumenta le pensioni minime di quei personaggi che non hanno mai fatto un cazzo in tutta la vita o peggio.. sono sempre vissuti nella illegalità non avendo mai subito controlli da parte della agenzia delle entrate. Se questa è la politica che fa una certa sinistra sono ancora più convinto delle mie idee.
Comunque un plauso perchè dai la possibilità a tutti di potersi esprimere liberamente ed in pace.. cosa che peraltro i giottini leoncavallini (ma tu non sei tra questi!)non sempre fanno.
Con rispetto ed amicizia
Gigi

Mi dispiace non volevo farti arrabbiare o peggio litigare con te perchè ci tengo molto alla tua amicizia nè volevo mancare di rispetto a tua nonna che si è fatta il mazzo come mondina… Volevo solo dire che, specie al Sud, e permetti che lo conosca un pochino visto che sono mezzo meridionale, la gente vive nella completa illegalità del lavoro nero o magari non fa una madonna perchè c’è lo stato assistenzialista e quindi non paga o non pagherà mai le tasse.. Poi magari arriva a 60 anni e si è accorto che non ha messo da parte niente… è giusto questo..??
Mi dispiace tanto se pensi male di me o che magari che sono razzista ma credo anche io ad uno stato sociale all’assistenza sanitaria per tutti e all’aiuto degli anziani che sono una nostra risorsa importante. Tanto è vero che anche io nel mio piccolo presto servizio di aiuto a mia nonna malferma quando ne ha bisogno.
Detto questo mi sa che non scriverò più in questo forum perchè questo potrebbe minare la nostra amicizia.. Anche se ci vediamo poco per me tu sei un mio caro amico e se per mantenere la nostra amicizia devo temermi le mie idee per me lo farò..
Best regards
Gigi

Cerco di ripescare tra i ricordi del corso per Alievi Agenti di P.S. (l’ho fatto come servizio militare)…
La Polizia, per entrare in casa di chicchessia ha a disposizione un paio di ipotesi normative, una si ritrova nel TULPS e fa riferimento alla possibilità di rinvenire armi ed esplosivi, l’altra riguarda le sostanze stupefacenti.
Qualcuno mi corregga pure, ma in Italia non si possono controllare le case per verificare l’esistenza o meno di un regolare contratto d’affitto, quello che tu proponi Fabio è semplicemente irrealizzabile.
Dovresti magari capire il motivo (droga?) per cui è stato fatto il blitz.
Non capisco poi cosa ci sia di male nelle ronde? Il fatto che le organizzi Ascierto? Mi spiegheresti anche il fatto dei CPT inutili? Mi pare invece funzionino piuttosto bene, tant’è che questo governo non li smantella nonostante le promesse elettorali di PRC e PCI.
P.S. sto ancora aspettando quei link sull’abolizione dell’art. 18 dello statuto dei lavoratori 🙂 magari me li dai quando prendiamo quel famoso spritz…

Credo che nemmeno la GdF possa sfondare la porta di casa tua per verificare se paghi l’affitto in nero Andrea.

Ecco Fabrizio il link relativo all’eliminazione dell’art. 18.
http://www.ecn.org/reds/lavoro/lavoro0204art18.html
Mi fa un po’ sorridere che tu sostenga che Berlusconi non lo avesse mai voluto abolire; per la precisione, veniva ampliata la “platea” di lavoratori esclusi dall’applicazione della tutela per licenziamento senza giusta causa, ma il risultato era lo stesso. All’atto pratico, la direzione era quella – opposta a quella che si propugnava a parole – di creare ancor di più la distinzione tra “chi è dentro” e “chi è fuori” …. per lo spritz…intanto oggi corro dal dentista…..;))

Chi lo ha mai sostenuto? Nella sgangherata replica all’articolo di Ichino, il tuo amico Alberto scrive:

Ichino può anche sostenere che quelli sono contratti irregolari, ed è un fatto, ma non spiega che il lavoratore, soprattutto dopo l’abolizione dell’art.18 (del mafioso Berlusconi) NON HA ALCUNO STRUMENTO GIURIDICO VALIDO PER FAR TUTELARE I SUOI DIRITTI: il giudice ti può riconoscere il lavoro a tempo indeterminato, ma l’azienda comunque può scegliere a quel punto di lasciarti a casa e prendersi un altro.

A me risulta che l’articolo 18 è ancora li, nonostante 2 referendum dagli opposti contenuti che lo hanno riguardato.

Si Fabrizio, hai ragione. Dopo la mega manifestazione del 2002 a Roma, a cui ho partecipato anch’io, è ancora lì. Alberto ha preso una piccola cantonata….^_^

Lascia un commento