Categorie
Generale

L’autobus “77″ all’improvviso scompare

dal “Mattino di Padova” di oggi

Giovedì scorso (19-1-2006) ho avuto la malaugurata idea di raggiungere il posto di lavoro in autobus. Lavorando in zona Padova Est e partendo da Chiesanuova ho quindi raggiunto la stazione Fs con l’intenzione poi di raggiungere la Strada col bus 77. Ebbene del 77 non si è vista né la corsa delle 7.18 né tantomeno quella delle 7.37.
Alla richiesta (mi sembra più che legittima) di informazioni il personale Aps rispondeva che la linea 77 è in realtà appaltata a una ditta esterna e che quindi non era possibile avere alcune notizia. Questa risposta può andarmi bene se data da un autista di un autobus (che in fin dei conti sta guidando) ma mi infastidisce quando mi viene data da personale che se ne sta al caldo in un ufficio all’interno della stazione oppure da chi se ne sta comodamente seduto all’interno di una Fiat multipla sul parcheggio Fs.
Addirittura i «signori della multipla» (che non si sono nemmeno scomodati a fare una telefonata per tentare di scoprire cos’era successo al «77» mi hanno consigilato di «portarmi avanti col 7» e poi vedere.
Ora, se Aps decide di appaltare le corse, lo faccia pure, a patto di garantire un minimo di servizio e di informazione per gli utenti. Io il biglietto l’ho già pagato ad Aps e non alla ditta appaltata e mi aspetto che Aps sia in grado di gestire tutte le corse che, in un modo o nell’altro, organizza e si fa pagare.
Aspettare senza sapere il motivo per quasi quaranta minuti in pieno inverno, dover camminare per viale delle Grazie in mezzo ai camion, arrivare in ritardo al lavoro (e, per tutto ciò spendere un euro), mi sembra a dir poco inaccettabile.

Massimo Sartorello

Lascia un commento