Categorie
Generale

Buongiorno. Scrivo p…

Buongiorno. Scrivo perche’ sono passati oramai troppi anni dalla morte del mio amico Andrea , schiacciato da un camion (uno di quelli che passano ancora oggi) sullo stretto ponte sul Muson dei Sassi (Cadoneghe), senza che nulla sia stato fatto (anzi , la rotonda e’ un pericoloso passo indietro), per rendere piu’ sicuro il transito sia a pedoni che a ciclisti e motociclisti.
Questa mattina, come tutti i giorni, gimcane in moto in via Marconi per recarmi al lavoro perche’ le auto erano tutte in coda sul lato sinistro della carreggiata : troppo pericoloso sorpassare a destra con le auto che entravano all’istituto Boaga. Proseguo: arrivo alla nuova rotonda sperimentale di piazzale Castagnara. Rotonda che ha indiscutibilmente rallentato il traffico da Padova in direzione Camposampiero , miscelando i due traffici da e per Padova anziche’ separarli come avveniva in passato. Spero che al piu’ presto qualcuno si prenda la responsabilita’ di far tornare tutto com’era prima. Le rotonde non servono a niente in situazioni come quella di Piazzale Castagnara; possono smaltire un traffico intenso, ma per la loro natura immettono in un’unica area flussi di traffico differenti e a quel punto sono controproducenti.
Tornando a stamane, difficile uscire in moto da quella rotonda chiusa dai delimitatori in plastica; devi chiedere a qualcuno se ti lascia uscire ritardando l’immissione in rotonda, e finalmente raggiungere…. l’argine. Sì, un argine reso melmoso dalle piogge dei giorni scorsi, nel quale è già difficile camminare a piedi, figuriamoci entrare in moto. Lì devi giustamente prestare attenzione ai pedoni che tentano anche loro, non avendo un centimetro di spazio per camminare sull’asfalto, di raggiungere la fermata del 4 di fronte al negozio Ducati. Fatta qualche decina di metri, rientri sull’asfalto, con un bel dislivello di alcuni centimetri dal fondo dell’argine, pericolosissimo perche’ poi ci sono le auto e devi stare in bilico.
Infine, il ponte sul Muson : senza un marciapiede di accesso al ponte degno di tale nome, con troppo poco spazio per i pedoni . Sono passati tanti tanti anni dalla morte del mio amico. Perche’ non si toglie quella rotonda e non si asfalta almeno un metro di strada parallela all’argine, rendendolo percorribile a moto cicli e pedoni ? e perche’ della famosa passerella pedonale/ciclabile non si e’ saputo piu’ nulla ?

Lascia un commento